RFID / NFC cosa sono e come funzionano

RFID (Radio-Frequency IDentification, identificazione a radio frequenza), tecnologia per l’identificazione e/o memorizzazione automatica di informazioni inerenti oggetti, animali o persone a distanza, senza bisogno di contatto fisico.

rfid componenti

rfid componenti

Si compone principalmente di due entità:

  • Etichette elettroniche, chiamate tag (o anche transponder), capace di rispondere all’interrogazione di un ‘lettore’ a distanza;
  • Reader (o lettore) in grado di interrogare un Tag e leggere e/o aggiornare le informazioni contenute nel etichetta

L’etichetta RFID può essere

  • Attiva
  • passiva
  • semi-passiva
  • semi-attiva

Se è attiva, dispone di una batteria, una o più antenne, uno o più transponder/tag RFID e possono contenere sensori, infine possono operare a distanze maggiori di quelli passivi, sino ad un massimo di 200m.

I lettore, dipendentemente dal protocollo usato e la frequenza può essere in grado di leggere:

  • più tag contemporaneamente
  • un solo tag per volta

Le tecnologie RFID si suddividono per frequenze di operatività, le quali influiscono in applicazioni e funzionalità:

  • Low Frequency (LF) 125/134 kHz, fino a 10cm
  • High Frequency (HF) 13,56 MHz, fino a 1m
  • Ultra High Frequency (UHF) 433MHz/ 860-960 MHz / 2,4 GHz, mediamente 1-2, ma possono arrivare a 20mm
  • Super High Frequencies (SHF) 5,8 GHz, oltre i 200m
  • Ultra Wide Ban (UWB) > 5,8 GHz

Gli RFID LF (125/134 kHz) ed HF (13,56 MHz) sono previsti dalle norme ISO come passivi (senza batterie) mentre per i tag RFID UHF e Ultrawide band (UWB) esistono attivi, semi-attivi e passivi.

NFC

Tra queste si sta lo standard NFC (13,56 MHz e fino a 10 cm con velocità di trasmissione dati fino a 424 kBit/s), acronimo di Near Field Communication detta anche tap tecnology: stabilisce una comunicazione radio bidirezionale tra dispositivi (peer-to-peer) che si trovano a distanza ravvicinata senza necessità di contatto (contactless).

nfc-antennaLe caratteristiche principali dell’NFC sono:

  1. La comunicazione a Two-Way, usata per comunicazione complesse
  2. La lettura avviene a distanze molto ridotte generalmente 5cm o meno
  3. Può essere letto un NFC alla volta

Caratteristiche pensate in prima battuta per una maggiore sicurezza, motivo per cui è utilizzato nel campo dei pagamenti con carta. E di conseguenza supportato da un numero sempre maggiore di Smartphone.

Dunque gli NFC sono un piccolo sottoinsieme delle tecnologie RFID, appartiene alla famiglia delle tecnologie HF (High Frequency) le quali risultano avere una buona operatività in presenza di persone. In generale gli NFC sono una specializzazione del secondo.

145153

Coprono di lettura molto corte, buoni livelli di sicurezza (sia grazie al contenimento della distanza, sia grazie alle primitive crittografiche) e discrete velocità di trasferimento dati, così da rendere questo protocollo estremamente adatto per lo scambio di dati personali in prossimità.  Caratteristiche che rendono l’NFC interessante da integrare in prodotti di elettronica di consumo per abilitare nuove esperienze di coupling e scambio dati di prossimità.

Un Tag NFC da un punto di vista ‘informativo’ contiene: un codice identificativo univoco, di sola lettura (UID, o Tid), una memoria aggiuntiva che può essere letta e scritta infine interessante è l’esistenza di primitive standard con cui è possibile salvare dati formattati (contatti di rubrica, URL web e via dicendo) che possono essere interpretati correttamente da ogni reader NFC.

La tecnologia NFC è stata sviluppata con una particolare attenzione alla sicurezza dei dati e delle transazioni; esistono vari livelli di sicurezza. Tali protocolli sono quelli utilizzati nei sistemi di pagamento NFC (sia mediante l’uso di telefoni che di carte contactless) e nei documenti elettronici (Carta di Identità elettronica, Tessera Sanitaria, Passaporto Elettronico), sempre più diffusi nel mondo e in Italia.

Infografiche che mostrano le differenze tra RFID / NFC

RFID-compare-with-NFCRFID_vs_NFC

Essere Umano che fa “cose di Computer”, laureato in Scienze Informatiche con un tentativo mediocre di Ingegneria Informatica. Interessato al graphic design, interazione uomo-macchina, user experience ed interfacce utente. Appassionato di scienza, ciclismo e fotografia. Toglietemi tutto, ma non il caffè e le mie endorfine. Dimenticavo: #terrone.

Articoli correlati