Come viene utilizzato l’RFID nel retail

Abbiamo già visto cosa fosse l’RFID, ma come viene utilizzato realmente l’RFID nel retail?

Genericamente dal punto del vista del retailer risparmio di tempo e denaro, riduzione degli errori, maggiore accuratezza ed immediatezza delle informazioni raccolte sui prodotti.

Esempio di Smart Labeling

Esempio di Smart Labeling

  • Tracciamento:
    • Tracciamento punto di Produzione sino al punto di vendita
    • Notifica immediata dell’Ingresso / Uscita da un’area (es. Senza pagamento)
  • Monitoraggio
    • Monitoraggio dell’inventario inventario all’interno dello Store o nel magazzino (vedi Shelf Stocking)
    • Riconoscimento automatico dei prodotti in caso di confezioni multiple
  • Smart Labeling
    • Sistemi “Scaffali intelligenti” (Smart shelf) – scaffali in grado di “comprendere” le abitudini, e comportamenti degli acquirenti quando “maneggiano” i prodotti, prodotti fuori posizione, apprezzamento e prelievo in tempo reale dei prodotti
  • Procedure di chek-out
    • Calcolo del costo complessivo in maniera automatica ecc
Essere Umano che fa “cose di Computer”, laureato in Scienze Informatiche con un tentativo mediocre di Ingegneria Informatica. Interessato al graphic design, interazione uomo-macchina, user experience ed interfacce utente. Appassionato di scienza, ciclismo e fotografia. Toglietemi tutto, ma non il caffè e le mie endorfine. Dimenticavo: #terrone.

Articoli correlati